La Strategia nazionale contro le resistenze agli antibiotici è sulla buona strada?

Per circa quattro anni, l'attuazione della Strategia nazionale contro le resistenze agli antibiotici (StAR) è accompagnata da una valutazione formativa. Sarà poi stilato un bilancio intermedio che, all’occorrenza, permetterà di adeguare la Strategia e la sua attuazione.

Il compito delle valutazioni è di esaminare il beneficio e la validità di leggi, programmi, progetti o strategie. Esse contribuiscono a verificare l’efficacia degli interventi statali e non statali e di ottimizzarli.
Dal 2017 l'attuazione della StAR è accompagnata da una valutazione formativa e vagliata a scadenze regolari. Insorgono due domande di fondo: si sta procedendo correttamente? Le attività vengono eseguite secondo l’approccio One Health? I risultati permettono di trarre conclusioni sui progressi realizzati e sul grado di raggiungimento degli obiettivi. Consentono inoltre di adeguare gli interventi in corso, eventualmente di migliorarli o di impostarli diversamente.

Per questo ogni anno sono fissate diverse priorità. Nel 2018 il team di valutazione si era concentrato tra l’altro sui progressi raggiunti presso il gruppo target della popolazione e nell’area di intervento Sorveglianza. L’anno successivo (2019) è stata valutata la collaborazione del team di progetto con i partner esterni e lo stato di attuazione della StAR, incluso il raggiungimento degli obiettivi. Grazie ai risultati ottenuti il lavoro può essere costantemente migliorato. Così ad esempio nel settore agricolo è emerso che le incentivi finanziarie mancanti del detentore di animali impediscono l’accudimento adeguato degli animali da reddito in greggi secondo lo stato più recente delle conoscenze.

L’attuale ciclo di valutazione doveva originariamente concludersi nel maggio 2021 con un bilancio intermedio. A causa della pandemia di coronavirus, l'attuazione della strategia StAR ha subito una pausa imprevista, soprattutto nel settore umano, per cui sono possibili ritardi. Dopo il completamento della valutazione formativa, i responsabili della StAR esprimeranno un parere sui risultati e le raccomandazioni, e sottoporranno al Consiglio federale proposte sul seguito dei lavori. Il rapporto sul bilancio intermedio e il parere saranno pubblicati. Più tardi è prevista una valutazione sommativa della StAR, che stilerà un bilancio sull’efficacia delle misure in un determinato momento e quindi, a differenza della valutazione formativa, fornirà un’istantanea che servirà per una rendicontazione destinata alla politica e al pubblico. Attualmente non è ancora chiaro quando questo avverrà.

Ultima modifica 08.09.2020

Inizio pagina

Bild zum Kurztext Evaluation
https://www.star.admin.ch/content/star/it/home/star/Newsletter-Beitraege/formative-evaluation-star.html